Normative di regolamentazione del commercio con opzioni binarie ed autorità di controllo

graf3

Iniziamo ricordando che il commercio con opzioni binarie,per investitori privati in Europa è comparso solo tra il 2007 ed il 2008 il che significa che le autorità hanno iniziato in quel periodo a cercare di regolamentare l’utilizzo di questo strumento finanziario. Sul commercio con le opzioni binarie è possibile trovare in rete tantissime opinioni e recensioni tal vota del tutto contrastanti tra loro.
Spesso però le critiche più negative rivolte a questo strumento finanziario ed anche ai broker che operano in questo mercato sono rilasciate da trader che hanno avuto delle perdite. Questi trader spesso tendono a far ricadere la responsabilità delle loro perdite su cattive condotte da parte dei broker anziché ammettere i propri errori,dovuti a proprie analisi di previsioni errate,approccio mentale sbagliato o ad un’imprudente gestione del rischio.
Ogni trader che si avvicina per la prima volta al mercato finanziario online tramite le opzioni binarie si sentirà rassicurato dall’esistenza di autorità di controllo che regolamentano ed emettono norme che li proteggono entro certi limiti da eventuali truffe o raggiri. Il rovescio della medaglia è rappresentato da l’aumento dei costi d’amministrazione a carico dei broker che di conseguenza li faranno ricadere sui propri clienti. Negli ultimi anni molti broker che operano in Italia e nel resto d’Europa hanno trasferito la loro sede a Cipro dove possono godere di una tassazione più bassa,nonostante anche Cipro faccia comunque parte dell’UNIONE EUROPEA. Di conseguenza Cipro è stato il primo paese ad istituire un autorità di regolamentazione e controllo sulle opzioni binarie, appunto la Cyprus Securities and Exchange Commission (CySEC). Il 02/07/2012 in seguito ad una comunicazione della commissione Europea anche la CONSOB si è conformata alle direttive europee in materia di opzioni binarie,tale organismo che interessa da vicino i trader italiani conformandosi alle linee guida europee ha ribadito che le opzioni binarie sono da considerarsi uno strumento finanziario. Di conseguenza tutti quei broker che hanno sede a Cipro,autorizzate dall’ente CySEC,sono considerati anche autorizzati CONSOB(chiaramente è richiesta un ulteriore specifica procedura).
Nel Novembre del 2007 entro in vigore la normativa MIFID che è da considerare il primo pilastro su cui si basa il piano d’azione dei servizi finanziari della Commissione Europea. La normativa contiene tutte le misure finalizzate a migliorare e cambiare l’organizzazione delle imprese d’investimento,in breve afferma che:quando una società che ha sede in uno stato membro dell’Unione Europea,ha ottenuto il parere positivo dello stato membro,ad erogare servizi finanziari in quello stato,può erogare tali servizi anche in tutti gli altri paesi comunitari,secondo norme legali uguali per tutti. La normativa MIFID relativa ai mercati degli strumenti finanziari,rappresenta una legge dell’UE che prevede una regolamentazione armonizzata di servizi e investimento tra i 30 stati membri. Lo scopo principale è quello di aumentare la concorrenza e la tutela dei consumatori nei servizi d’investimento. Quindi quando troviamo nelle recensioni un broker con sede a Cipro(del resto la maggior parte dei broker hanno sede proprio lì), che ha ottenuto la licenza CySEC,ovvero l’autorizzazione ad operare in quel paese,possiamo essere certi che si tratta di un broker regolamentato.
Il 17/09/2010 la Commissione Europea ha riconosciuto le opzioni binarie come uno strumento finanziario. A questo si aggiunge la direttiva 2004/39/EC che esclude le opzioni binarie da qualsiasi forma d’investimento che faccia riferimento al gioco d’azzardo.
Ad oggi le due Autorità di controllo che regolano il settore sono:
CySEC

Consob

 

Cos’è il CySEC:

autorità di vigilanza pubblica indipendente ,responsabile della supervisione del mercato dei servizi d’investimento e delle transazioni sui valori mobiliari effettuate nella repubblica di Cipro
formata da una commissione attenta alla valutazione di tutte le richieste dei broker che intendono ottenere l’autorizzazione ad operare ed erogare servizi finanziari
è composto da 5 membri eletti per un periodo di 5 anni(un rappresentante della banca Centrale Cipriota,due rappresentanti del ministero delle finanze e due rappresentanti del governo)
ha il compito di esaminare tutte le domande e successivamente di concedere licenze d’esercizio agli enti che ne fanno richiesta ed ha la possibilità di sospenderle o revocarle
supervisiona il regolare e normale funzionamento della borsa Cipriota
controlla e regolamenta tutte le agenzie che sono sotto la sua supervisione,per garantirne la conformità alle leggi che ne regolano il funzionamento
dispone ed eroga sanzioni amministrative e sanzioni disciplinari secondo quanto previsto dalla legge
può richiedere la cessazione di pratiche che sono in contrasto con le leggi di mercato
in casi estremi può rivolgersi ad un tribunale competente per:il rilascio di un ordine di detenzione,oppure per congelamento,prevenzione,alienazione di operazione su un bene.
deve emettere direttive e decisioni inerenti la regolamentazione
deve cooperare al fine di scambiare dati e informazioni con:autorità pubbliche della Repubblica di Cipro,autorità di vigilanza estere competente e con altre organizzazioni

Tutti i sopra elencati compiti e responsabilità sono definiti dall’articolo 25 della legge che regola e struttura i doveri ed i poteri della Securities and Exchange Commission .
In definitiva per sapere se un broker sia veramente regolamentato,basta andare sul sito ufficiale della CySEC,sotto la voce Investiment Firm, per scoprire che esiste un albo dedicato alle società e ai broker che ne fanno richiesta e vedere quali sono quelli veramente regolamentati(attenzione però che molte volte i broker che cerchiamo sono iscritti con il nome della società che li gestisce e non con il nome commerciale).

Cos’e la Consob:
la Consob è nota come Commissione Nazionale per le Società e la Borsa che opera solamente nel territorio italiano e fu istituita con la legge N°216 del 7 giugno 1974

  • autorità di vigilanza nei confronti di ogni società mobiliare iscritta in proprio apposito albo ed operare in totale autonomia
  • garantisce una tutela agli investitorigarantisce la trasparenza e lo sviluppo del mercato mobiliare italiano
  • autorità di vigilanza sul mercato finanziario e sulle Banche, Broker, Società finanziarie, ecc. Ovvero su tutti i soggetti che svolgono attività di intermediazione

Per quanto riguarda in particolare i broker di opzioni binarie,che vogliono proporre i loro prodotti in Italia ,sono obbligati ad inoltrare specifica richiesta alla Consob,la quale dopo averne valutato i requisiti provvederà ad iscriverle in appositi elenchi di tutti i soggetti esteri che operano nel nostro mercato finanziario.
In definitiva come per il CySEC,per sapere se un broker sia veramente regolamentato,basta andare sul sito ufficiale della CONSOB, voce intermediari,nella cartella dell’albo imprese d’investimento, sotto-cartella imprese d’investimento senza succursale e vedere quali sono quelli veramente regolamentati(attenzione però che come per la CySEC è possibile che non siano iscritti con il nome commerciale,ma con il nome della società che è proprietaria del sito).
Io ho esaminato solo queste due autorità di vigilanza e controllo dei broker di opzioni binarie perché sono quelle che interessano ai trader italiani;ma posso dirvi che ogni paese comunitario ha un proprio organismo di vigilanza e controllo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.